The day after

Il cuscus al Primavera. Mattino seguente.

I piatti e le scenografie ancora in macchina e tanti sorrisi nel cuore. Grazie a tutti gli amici venuti a darmi manforte e grazie anche agli sconosciuti, arrivati per caso e pieni di complimenti. Un raffreddore iniziale si è complicato nel corso della fredda giornata ed è diventato, un paio d’ore prima di andare in scena, una raucedine che alla fine dello spettacolo era praticamente afonia. Nonostante tutto ce l’abbiamo fatta. Grazie microfono. Ti voglio bene!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*